Cara società, ci rapisci il futuro! 

1
106

Cara società, ci rapisci il futuro!

No, non siamo né stupidi e né ingenui per non renderci conto che i giovani d’oggi sono emarginati e incollati al muro da una società che non capisce che noi siamo il futuro.

Siamo adolescenti, abbiamo sogni, vogliamo realizzare qualcosa, fare un cambiamento. Ma come riusciamo a imporci, se zia Giovanna spunta dall’angolo del negozio del quartiere e dice: ”Sei solo un bambino, non sai cosa ti prepara la vita”. 

Va bene, zia, meno male che sai tu cosa ti prepara la vita. Prendi pure del pane così lo digerisci meglio.

Mi sono stancata di sentire sia a sinistra sia a destra il fatto che non ce la farò, che non sono abbastanza ”matura” per affrontare il mondo.

Forse io non lo sono, ma neanche quelli che mi dicono questo non lo sono stati. Hanno imparato, hanno affrontato molti ostacoli durante il periodo del ”Tiranno” ma sono arrivati nel 2020 con la stessa mentalità di allora.

Ho 20 anni, cerco di crearmi un futuro, ma come posso farlo se sono criticata per ogni passo che faccio? È difficile perché ogni volta che ho successo in qualcosa, sento parole come: ”Potevi fare di meglio. Non durerà molto, quindi non abituarti. Fallirai!”

Come fate a saperlo voi, che commentate con la birra in mano, che fallirò? Non mi avete cresciuta voi, non mi avete dato da mangiare. Quindi come vi permettete di lanciare così tanto odio verso una persona che ci sta provando così duramente?

Forse non lo sapete, ma alcuni di noi mettono a cuore le parole che voi buttate senza senso, che ci demoralizzano e che ci fanno pensare ogni notte ”Perché non sono abbastanza bravo?” 

Come me, ci sono migliaia di giovani, migliaia che studiano per l’esame di domani e altri che si preparano per il loro primo colloquio. 

Smettetela, for the name of God! Con cosa vi accontentate se sparlate di un adolescente o nel essere razzisti? Visto che siamo in tema con la Febbre del Coronavirus. Forse non dovreste far attenzione a questo virus, ma trattarvi dal Stupid Virus. Certamente, non esiste una cura per alcuni, però provateci, almeno, a non mettere così tanto odio, non potete sfuggire alla stupidità e alla mentalità attuale. 

Quindi, hai sentito zia Giovanna? Prendi i tuoi preparativi e corri, è iniziato Pomeriggio 5. 

Cerco di non offendere nessuno, nonostante alcuni lo meritino, io voglio solo dare coraggio a chi non può parlare. 

Tu, essere che sei emarginato, altrimenti non leggeresti tutto ciò, parla! Smettila di nasconderti sotto la conchiglia, dì ciò che non ti conviene, anche se gli altri non sono contenti. Prima di tutto, tu devi essere felice, e non rendere felici prima gli altri. Quelli dovrebbero tacere e essere orgogliosi di te. 

 Perché tu sei la voce di oggi. Tu sarai in grado di fare il cambiamento che vuoi vedere domani nel mondo. Anche se la società ti dice ”non puoi”, tu grida con quanta forza hai nei polmoni ”Sì, io posso!”

Non ascoltare più Giovanna, sii ciò che tu vuoi essere! Vai all’università che vuoi, studia quello che TU vuoi!

È incredibilmente difficile passare tra persone che non sanno fare altro che sputare veleno, ma credimi, quando arriverai ai tuoi traguardi, tutto lo sforzo varrà la pena. 

È il nostro turno di parlare, di imporci. Noi siamo the next generation, per la quale i nostri nonni hanno perso la vita. 

So, go ahead! Niente può fermarti! 

Neanche zia Giovanna.

Vuoi sapere un modo per affrontare la stupidità contemporanea? Ebbene, caro lettore, clicca qui

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here