Il Coronavirus non è un’opportunità per essere razzisti!

1
92

Il Coronavirus non è una scusa per essere razzisti! Cinesi accusati per le loro origini?

Viviamo in un periodo nel quale tutti vogliono essere migliori, vogliono vivere in un mondo migliore e che ci possa essere una pace costante, ma com’è possibile tutto ciò quando si è razzisti anche in situazioni di crisi?

Lo sappiamo tutti che molte guerre sono cominciate a causa del razzismo, quindi perché ritornare ad alimentare questo odio, quando, semplicemente, possiamo essere umani?

Il Coronavirus ha scatenato panico in tutto il mondo, tutti sanno dell’esistenza di questo virus che può risultare fatale se non si ricevono le adeguate cure. Molti cinesi sono stati derisi, picchiati ed emarginati in tutto il mondo per la sola colpa di avere origini dello stesso paese dal quale proviene questo misterioso virus.

La paura ha conquistato il mondo: i deputati, i presidenti e le celebrità, le quali, hanno scelto di isolarsi dal mondo esterno e annullare i loro spettacoli come campagna di sensibilizzazione alla lotta contro il COVID-19. Loro non hanno puntato il dito verso le altre nazionalità.

In qualità di persone, certe volte ci scordiamo di essere umani.

Dimentichiamo di essere buoni e aiutare le persone che ci circondano. Continuiamo ad incolpare e a trasmetterli odio e insicurezza. Avendo una costante paura per il virus, siamo fermi nell’ignoranza e accusiamo coloro che ci circondano.

Sì, sappiamo tutti che il virus proviene dalla Cina, dalla città di Wuhan, ma non i cinesi sono la causa. C’è un’alta probabilità che questo virus sia stato creato in laboratorio, quindi quei esseri umani non hanno fatto niente di male. Hanno semplicemente la stessa provenienza, quindi smettila di cercare una scusa per giustificare il tuo odio razzista. 

In Italia, due turisti sono stati aggrediti verbalmente. Gente che pensa di essere superiore solo perché si trova in un certo paese: ”Stupidi, andate a tossire a casa vostra! Ci infettate! Sono stufo di voi!”. Questo è stato solo un piccolo assaggio.

I parlamentari italiani hanno sostenuto un comunicato stampa in cui mostrano la loro simpatia verso i turisti cinesi.

Hanno suggerito al pubblico di non ricorrere a questi insulti e neanche ai simili gesti estremi: ”È comprensibile che le nostre paure aumentino in periodi come questo. Tuttavia, dobbiamo ricordare che nei nostri sforzi collettivi, la coesione è importante. Dobbiamo imparare dall’esperienza che abbiamo avuto con la SARS. Quando le persone dal Sud-est dell’Asia hanno dovuto affrontare la discriminazione e il razzismo.

Il razzismo, la discriminazione e il linguaggio rimproverante sono inaccettabili e molto traumatici. Tali azioni dividono il mondo in Noi contro Loro. Dovremmo seguire paesi come il Canada, un paese costruito su valori solidi come il rispetto, la diversità e l’inclusione.

Altri casi di razzismo sono esistiti in quasi tutti i paesi attaccati dal COVID-19, arrivando anche in America. Un paese che ha un gran numero di immigrati è arrivato ad incolpare i cinesi. Sostenendo che ”ogni malattia apparsa proviene dalla Cina”. Sono stati ridicolizzati e non sono stati considerati come persone importanti per la l’umanità.

Si dimentica spesso che siamo tutti uguali, anche se il colore della pelle è diverso

Pensi di essere più importante di un uomo Africano, Cinese o Americano? Ebbene, non lo sei. Sei un essere umano, come tutti gli altri, quindi smettila di attaccare le altre persone solo perché sembrano diverse da te. Smettila di essere razzista e impara che se vuoi esserlo, sarai respinto dalla società.

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here