Viaggiando in un passato spruzzato con il profumo

0
25

Viaggiando in un passato spruzzato con il profumo.

Lego involontariamente alcuni tipi di profumo ai bei ricordi che posso avere. Un incontro, una passeggiata sotto il tiglio, un’esperienza indimenticabile, un professore che mi ha cambiato la vita, tutti questi ricordi sono messi sopra dall’oceano della mia umanità quando sento il odore del profumo.
Mi ricordo del tuo essere umano tra il profumo che indossavo quel giorno d’estate. Ti ho quasi scordato il viso però l’odore l’ho scritto profondo nei miei sinapsi del cervello.

Mi succede a volte che alcuni ricordi dei momenti o certe persone possano essere cancellate e sostituite con l’odore di un profumo. Non mi ricordo niente riguardo quella persona o quel fatto che è successo. Né il viso, né i vestiti, né parole e neanche i gesti. Non so neanche se fosse estate o inverno. Però so certamente il profumo.

L’abito invisibile , sensoriale , che esprime una gamma intensa e varie d’idee, sentimenti, attrazione o rifiuti, senzazione di felicità o dolori,  l’impulsività o l’indifferenza… vedi così una semplice senzazione olfattiva, un semplice coso può trasformarsi in arte.

È meraviglioso come un odore può cambiare lo stato d’anima. Mi sento portato nel paradiso quando entro in una camera impregnata con l’ odore del giglio, per esempio. O nel giardino pieno di fiori belli e forti come l’odore.

Mi piacciono specialmente i profumi fortissimi che circondano tutto ciò che non ti lascia osservare altre cose, eccezione l’odore. Loro sono egoisti perché ti rubano tutta l’attenzione e ti ingoia nella senzazione, nel olfattivo, scordadonti di te stesso, del passato, del futuro e del presente.

Un tipo di portale magico in altri mondi, questo è il profumo.

L’incenso ti fa raggiungere la veta di una montagna mentre il giglio o il tiglio ti nasconde nella metà della natura organica.

Quello che per alcuni è un benessere per gli altri può essere una tristezza enorme, di caduta libera.
Tuttavia come ogni strumento fortissimo, il profumo può essere felicità, sia un strumento utile nella vita sia  un strumento distruttivo e miserabile.
Lo stesso profumo può trasportare una persona nel colmo della felicità ed l’altra nella sanità e l’altra nella sfiga, al calvario.
Però per me un profumo non è reale solo nella misura che mi fa vivere un’altra volta i momenti dal passato.
La funzione essenziale del profumo è per me vivere un’altra volta i ricordi.
Mi sento come se mi stessi teletrasportando nella stanza in cui ho parlato così tanto quel giorno quando entro nel regno del profumo che indossavi allora.

A volte tutto ciò che voglio è chiudere gli occhi e sentire ogni odore. Rinuncio volentieri a tutti i stimoli usando solo io
l’Odore.
Apri adesso quella bottiglia con ricordi pronta per aggiornamenti, spegni la luce, accendi le stelle della notte e rimani circondato nel profumo come se fossi in un bagno bello caldo. Ferma i pensieri e vivi in altra volta il passato con i ricordi profumati e Proust che si sta cercando il suo tempo perso …

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here